...E ANDIAMO AVANTI!...E ANDIAMO AVANTI!Fratelli d'Italia

Sunday, December 18, 2005

Borghezio? Una persona ripugnante

Mario Borghezio non è una brava persona. E' uno la cui posizione nella mia scala delle preferenze politiche è insidiata da Mahmoud Ahmadinejad, per capirci. Quando è diventato europarlamentare ho pensato: bene, per un po' le sue sciocchezze le va a dire a Strasburgo. Borghezio è il simbolo della peggior politica italiana: cieca nel suo massimalismo antidemocratico , imbarazzante nel suo malinteso virilismo territorialista, deleterio nelle sue posizioni xenofobe e razziste. Una vergogna per il paese, ma soprattutto per il nord, e per la sua città, Torino.

Cito, per chi avesse l'alzheimer, alcuni episodi significativi della sua militanza politica nella Lega: nel 1993 è stato condannato a 750.000 lire di multa per aver picchiato un bambino marocchino; nel 2000 ha dato fuoco ad un dormitorio di immigrati: punito con due mesi di carcere, poi diventati una sanzione di 3.000 euro; sempre al 2000 risale il famoso video che ritrae Borghezio su un treno mentre spruzza detersivo sulle facce di due nigeriane con l'intento di "disinfettare lo scompartimento".
Prima, bazzicava gli ambienti della destra estrema e antisemita. All'epoca difendeva il fondamentalismo islamico, oggi lo combatte (anzi, combatte tutto ciò che con l'Islam ha a che fare).
Potrei citare qualcuna delle sue frasi famose contro gli immigrati, ma preferisco evitare di sporcare questo blog con simili affermazioni.

Ieri, Mario Borghezio era a Torino, dove ha partecipato al fianco di notavini e rifondaroli alla manifestazione indetta contro l'alta velocità in Val di Susa.
Durante il viaggio di ritorno in treno, tra Torino e Milano, è stato riconosciuto e malmenato da una ventina di no global, che hanno sopraffatto anche la scorta.

Per quanto mi ripugni l'aggredito, come persona e come politico, il mio atteggiamento non può che essere di ferma condanna dell'aggressione e degli aggressori. Niente può legittimare un linciaggio, punto.
Nessuno merita di venire fermato per strada e aggredito: nè i bambini marocchini nè gli europarlamentari razzisti. Non penso, come qualcuno, che Borghezio non non ha meritato l'aggressione ma doveva quantomeno aspettarsela: si tratta di discorsi da forcaioli travestiti da benpensanti.

La verità è che i no global sono comunisti perchè quello è l'unico regime in cui non sarebbero i primi a morire. La verità è che Borghezio è una persona deplorevole. La verità è che non dovremmo concedere a queste persone tutto lo spazio che si prendono.