...E ANDIAMO AVANTI!...E ANDIAMO AVANTI!Fratelli d'Italia

Sunday, May 15, 2005

Nun ce' vonno pasaran!

Tra sinistra e mondo ebraico un problema c'è, inutile negarlo. Gli interventi di gruppi di studenti di estrema sinistra nelle Università di Firenze, Pisa e Torino volti a togliere il diritto di parola ai rappresentanti dello stato israeliano ne sono testimonianza. Io stesso tre anni fa, mentre partecipavo al Gay Pride con la bandiera israeliana (per testimoniare l'atteggiamento aperto di Israele verso i gay), sono stato aggredito insieme a Yasha Reibman (portavoce della Comunità Ebraica milanese) da alcuni giovani dei Centri Sociali. Perchè? Perchè una certa sinistra, che dovrebbe basare il suo essere sui sacri principi della pace e del dialogo, non accetta di confrontarsi sulla realtà israeliana? La giustificazione più comune è quella della "repressione
israeliana" ai danni dei palestinesi. Eppure i massacri della Russia di Putin ai danni dei ceceni non sono nemeno lontanamente paragonabili al conflitto israelo-palestinese, cionostante il diritto di tribuna ai rappresentanti russi non viene negato. E allora qual'è il problema? Forse che la sinistra radicale "sente" solo il problema palestinese? Non credo: in Libano quasi quattrocentomila palestinesi sono obbligati a vivere in campi profughi senza il diritto di comprarsi una casa e con il divieto statale di svolgere 73 professioni. Eppure di questa tragica situazione pochi al mondo (a sinistra e non solo) ne hanno conoscenza. E comunque il diritto di parola dei rappresentanti libanesi non viene messo in discussione. Il problema insomma è Israele e, in particolare, la demonizzazione del sionismo. Nasconderlo sarebbe ipocrita. Cosa fare? per me, che ho sempre aborrito l'uso della forza, non c'è che la via del dialogo. L'esempio recente del sindaco Veltroni che ha promosso il dialogo tra la squadra di calcio ebraica del Maccabi e quella dell'Acilia - resasi protagonista di atteggiamenti antisemiti - rappresenta per me un esempio illuminante. Il dialogo tra i giovani calciatori, ne sono certo, porterà i suoi frutti.
Altrettanto non si può dire del dialogo tra la sinistra radicale e Israele.
Diverse volte Yasha Reibman ha lanciato da Milano iniziative di dialogo con i centri sociali, così come Riccardo Pacifici (portavoce della Comunità Ebraica romana) propose a suo tempo un convegno sul sionismo che vide l'assenso dell'On. Bertinotti. Risultato? nessuno. Tali iniziative, in un modo o nell'altro, sono sempre state fatte cadere nel nulla. Mi pare legittimo ed urgente a questo punto chiedere perchè da parte della sinistra antagonista manchi la volontà di dialogo sul tema del sionismo. Non vorrei infatti che chi associa le strette di mano e la volontà di dialogo dell'On. Diliberto con Hezbollah (che rivendica ufficialmente la distruzione di Israele e del popolo ebraico) all'assenza di dialogo sul sionismo possa giungere a conclusioni inquietanti.

Davide Romano
Segretario dell'Associazione Amici Di Israele

Articolo copincollato da Liberopensiero (v. link). Brainwash vuole bene a Israele. Ma anche ai Palestinesi (quelli moderati, e ce ne sono a bizzeffe, non fossero censurati da eserciti di Edward Said e Dilibertoidi assortiti). Brainwash sta per tornare. Ha passato due mesi a lavare i suoi panni. Ora torna a lavare teste. Stay 2ned.