...E ANDIAMO AVANTI!...E ANDIAMO AVANTI!Fratelli d'Italia

Sunday, February 13, 2005

El Caballero de Arcore y del palacio del Chigi


Berlusconi quando l’hai conosciuto?

«Nel 1996, l’anno in cui mi ero appena ripreso dalle bandierine e avevo azzeccato in pieno le previsioni delle comunicali di Milano e Torino. Poi nel ’98 mi chiese di entrare nello staff per le europee».

La prima barzelletta che ti ha raccontato?
«Un giorno arrivammo in riunione e lui era incazzato come una bestia. “Avete letto le agenzie? Un disastro”. Ma che cosa è successo? “Hanno scoperto che Fini ha avuto un parente morto ad Auschwitz”. Otto persone intorno al tavolo, tutti in silenzio. Lui usciva, entrava, sbraitava. “Fini mi porta via tutti i voti”. Un quarto d’ora di pantomima. Poi uno chiese: “Come è morto?”. E lui: “È caduto dalla torretta”».

Poi che cosa è successo?
«Metà sono svenuti dal ridere, gli altri hanno detto: “Ma veramente?”. Finito di ridere Berlusconi disse: “Uno, due, tre a casa oggi! Siete troppo cretini”».

Geniale: Sabelli Fioretti, via Dagospia